COSTELLAZIONI FAMILIARI E ALTRE FIORITURE
Laura Di Fazio

16 maggio/ 3 giugno 2017
SBLU_spazioalbello
Inaugurazione ore 18.00

La ricerca artistica di Laura Di Fazio parte dal suo grande amore per la grafica d’arte, sia essa generata dall’incisione calcografica o dalla xilografia che dal monotipo fino alla sperimentazione pura, con lo scopo finale di attualizzare questo modus operandi e renderlo conforme a un contemporaneo libero e aperto a qualsiasi soluzione. I temi della sua indagine sono legati al mondo familiare: al rituale del “fatto a mano e su misura” che ha assimilato vedendo lavorare la madre sarta; al padre fotografo, che le trasmette la passione per il ritratto. Spunti che si traducono nell’utilizzo di cartamodelli, fotografie d’epoca, carta filata con il fuso.

Non solo, in omaggio a William Morris recupera l’amore per i pattern e la decorazione, che coniuga con l’ammirazione per le tecniche di confezione giapponesi. Tutti questi stimoli associati tra loro la inducono a uscire dai confini bidemensionali della ricerca grafica e la portano nel mondo tridimensionale delle installazioni, della creazione sitespecific dove “fioriscono” pattern printing che avvolgono il fruitore.

La mostra allo SBLU_spazioalbello è tutto questo: un insieme di suggestioni inaspettate che ci conducono in un mondo nuovo e suggestivo, dove la stampa calcografica colloquia in modo inedito con foto di famiglia e origata giapponesi.

Dice del suo lavoro Patrizia Foglia “Di Fazio tesse dei legami con il proprio vissuto più intimo e nascosto, ci mette davanti a dialoghi fatti non con le parole ma con immagini eloquenti. C’è molto amore in queste opere, c’è quello che non si riesce a dire con le parole, ci sono gli sguardi dolci, i sussurri dell’anima, forse un po’ di malinconia…” SBLU_spazioalbello ospita una serie di lavori recenti, realizzati appositamente per la mostra.

Laura di Fazio (1957) vive e lavora a Milano. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, si interessa di paleografia e di grafica d’arte, e da quello studio del linguaggio e dei segni prende avvio il suo percorso artistico. La predilezione per l’incisione, che apprende presso la Scuola Sup. d’Arte Applicata del Castello Sforzesco, dove si diploma, la porta a realizzare ad oggi più di 900 matrici, spaziando dalle tecniche calcografiche più tradizionali sino a quelle più sperimentali. La formazione prosegue presso l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in Arti Visive/Pittura sotto la guida di Ignazio Gadaleta. Dal 1994 alcuni dei suoi lavori sono presenti presso la Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli di Milano e presso collezioni private. Partecipa a diverse rassegne e collettive in Italia e all’estero. È presente nel “Repertorio degli Incisori Italiani” del Gabinetto Stampe Antiche e Moderne del comune di Bagnacavallo e nell’Annuario degli Incisori Italiani di “Grafica d’Arte”, che nel 2015 le riserva un articolo nel supplemento L’Occhio nel Segno.

Dal 1994 al 2010 cura il suo atélier in Alzaia Naviglio Grande a Milano, ma nel 2011 concepisce il proprio nuovo studio come spazio di confronto dando vita a SpazioMantegna, luogo di seminari, incontri espositivi e laboratoriali con artisti, storici e critici dell’arte e allievi di tutte le età. Nel 2016/2017 fa parte della Commissione Artistica della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano.